Il menù di Natale di Marco Bianchi

    Da poco in libreria con Viaggio nel corpo umano tra scienza e ricette, Marco Bianchi ha pensato per noi qualche consiglio per rendere il pranzo di Natale un’occasione gustosa e salutare.


    Il Natale ci fa pensare subito ai pranzi interminabili in famiglia: seduti intorno al tavolo, pronti ad abbuffarci con mille portate. Ma è possibile pensare a un pranzo di Natale che sia goloso e contemporaneamente salutare? Abbiamo chiesto a Marco Bianchi di aiutarci a rispondere a questa domanda. Quello che segue è un menù di Natale che farà bene al vostro spirito ma anche, soprattutto, al vostro corpo.

    Antipasto

    Alici al forno con trito di pane + Pane con semi di zucca

    Tutte le volte che mangiamo, il nostro cervello inizia una sessione di esercizio. Ecco che decidiamo di metterlo sotto allenamento già dalle prime due portate: sia il pesce che la frutta secca portano con loro il segreto per una mente giovane, che non teme gli anni e si mantiene viva.

    Chips di cavolo kale 

    Siamo all’inizio della nostra maratona di Natale: oltre a preoccuparci del tono muscolare, prestiamo attenzione anche alle nostre ossa e cartilagine con il cavolo kale, ottimo per ridurre affaticamento e stanchezza e prepararci alla nostra maratona di Natale.

    Bruschetta di pane di segale con crema di avocado 

    L’avocado suscita l’interesse del mondo scientifico soprattutto per il suo contenuto di acidi grassi monoinsaturi. Proprio grazie a essi, il consumo moderato di avocado potrebbe aiutare a ridurre il colesterolo LDL, quello “cattivo”.  Un toccasana per il nostro cuore!                                                  

    Primo 

    Lasagna di zucca

    Proseguiamo con un altro piatto che fa bene al cuore (sia perché è buono, ma anche perché effettivamente la zucca è ottima per il vostro organo in petto): delle buonissime lasagne di zucca, che possiamo farcire con un ragù di lenticchie. 

    Orzotto con carciofi e taleggio 

    Quella al lattosio è l’intolleranza alimentare più diffusa: i formaggi stagionati, però, possono essere di grande aiuto al nostro esofago e stomaco, grazie alle modeste e trascurabili quantità di lattosio che li rendono facilmente digeribili. Che a questo punto del pranzo è una vera necessità.

    Secondo e contorno

    Salmone su crema di broccoli 

    Qui una combo di benessere per il cervello e le ossa: coraggio, stiamo per arrivare alla fine!

    Insalatona di valeriana e melone + Polpette di merluzzo 

    Per finire, un piatto fresco: tutti gli ingredienti raccolti ci lasceranno una piacevole sensazione di leggerezza, e saranno una panacea per il nostro apparato urinario e sessuale.